Di allegorico miele, Rapsodie Sarde, Ugo Magnanti

Qui si canta una terra allegorica in cui si mescola mito e creazione. Una terra in cui il miele della poesia affiora lentamente, nella cura minuziosa di celle-parole, disposte in una topografia reale e immaginata, rievocata nei paesaggi dell’isola amatissima, percorsa ancora da antiche reminiscenze pagane e culti d’acqua, di pietra e di parola. Qui […]

Vota:

De Compositione – Diwali XVIII

In uscita il nuovo numero di Diwali- Rivista Contaminata De Compositione. In questo numero ci contaminiamo di arte, musica, poesia, saggi, cortometraggi, video etc… “Il compositore compone innanzitutto musica, ma il prodotto di chi compone può essere altro che una composizione musicale. L’oggetto del comporre non è predeterminato, e la materia composta è infinita: ciò […]

Vota:

La ragazza sull’albero (Julia Butterfly Hill)

«Mentre sto scrivendo, all’età di venticinque anni, vivo da più di due anni su un’antica sequoia alta sessanta metri, collocata sulla proprietà della Pacific Lumber. Sono sopravvissuta a tempeste, minacce, solitudine e dubbi. Ho conosciuto la magnificenza e la devastazione di una foresta tra le più antiche sulla Terra. Vivo su un albero che si […]

Vota:

Diwali XVII -Futuro Anteriore –

On line il n. XVII di Diwali rivista contaminata a tema Futuro Anteriore. Futuro anteriore evoca il misterioso intreccio di passato e futuro che è la stoffa, il suono e l’immagine del nostro presente, del tempo che non fugge solo in avanti, ma anche all’indietro. È anzi quasi teso allo stesso tempo, il presente, verso […]

Vota:

Haiku dell’inquietudine (Giovanna Iorio)

«Vivere è morire, perché non abbiamo un giorno in più nella nostra vita senza avere, al contempo, un giorno in meno.» (F. Pessoa, Il Libro dell’Inquietudine) Quale il paradosso che si cela nel titolo Haiku dell’inquietudine? Con questa domanda termina «La forma attenta del pensiero» nota critica di apertura di Luca Cenisi all’ultima raccolta di […]

Vota:

Abito oscuro -Diwali n.XVI-

On line il numero XVI di Diwali – Rivista contaminata a tema “Abito oscuro”… «C’è una porta socchiusa davanti a noi che ci suscita allo stesso tempo curiosità e terrore. Il nostro intuito ci segnala che “oltre”, saremmo al cospetto di una realtà inquietante; così, attratti e impauriti, esitiamo sulla soglia, timorosi di varcarla. Ma […]

Vota:

Quando Edo rideva: 108 vecchi Senryū (Valeria Simonova- Cecon)

  Siamo nella città di Edo (ora Tokyo), circa 1700. Durante questo periodo sono molto popolari i maekuzuke (letter. aggiungere al verso precedente) concorsi di versi in stile haikai che consistono nell’aggiungere a un verso breve di 14 sillabe (maeku) un verso lungo di 5/7/5 sillabe, lo tsukeku (o verso che segue). Dal 1757 il […]

Vota:

I quaderni- Dal silenzio al canto –

Storie di mutismo selettivo “Chi non intende i silenzi non intende neanche le parole” (Tommaseo, Dizionaretto morale) Questo che vi propongo è un libro intimo, un lavoro corale in cui i protagonisti si sono messi a nudo raccontando la loro vita e la loro esperienza. Non sono tutte storie a lieto fine o fiabe inventate […]

Vota:

La bottega di via alloro (Daìta Martinez)

Quando ho ricevuto il libro di Daìta sono rimasta spiazzata. L’ho letto dopo qualche giorno, come di solito non leggo la poesia, cioè tutto d’un fiato senza sbocconcellare in qua e là. Ero curiosa e affamata di conoscere qualcosa di nuovo. Non sono rimasta delusa: ho ritrovato in queste pagine la personalità estrosa di una […]

Vota:

Il sole che nessuno vede (Tiziano Fratus)

«Sedendo quietamente senza fare nulla, la primavera giunge e l’erba cresce da sé.»  [Zenrin Kushu] Entrare nel bosco. Uscirne. Non essere più la stessa persona che vi era entrata. Immergersi nell’acqua di un torrente, di una cascata, lasciarsi lavare dall’acqua limpida, fresca di una sorgente. Le mani a coppa in raccoglimento: dissetarsi attraverso colei che […]

Vota: