Haiku come fiori di ciliegio

In attesa della prossima uscita del volume da me prefatto “Haiku tra meridiani e paralleli” terza stagione, in cui si sono cimentate voci importanti del panorama letterario italiano, vi presento uno dei volumi usciti precedentemente e che ho avuto il piacere di leggere…

Il volume, arricchito  dai suggestivi scatti del fotografo giapponese Hitoshi Shirota, nasce dall’attività laboratoriale svolta durante l’anno scolastico, con gli alunni dell’Istituto comprensivo “E. Majorana” di Lanuvio in provincia di Roma su iniziativa della docente e poeta Antonella Rizzo che ha coinvolto altre insegnanti in questo progetto, le cui finalità erano quelle di sviluppare e raffinare le capacità linguistico-espressive degli alunni, l’autostima, e favorire la conoscenza di culture diverse attraverso questa antica forma poetica giapponese ormai diffusa in tutto il mondo. Gli alunni, autentici ‘haijin’ in erba, dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola secondaria di I grado, hanno dimostrato capacità e impegno confluiti in una composizione corale sorprendentemente armoniosa, grazie anche all’interesse suscitato dalle insegnanti.

Dalla nota al libro di Antonella Rizzo:
Questa pubblicazione segna un punto di svolta nel mio percorso umano e professionale. È un approdo a una dimensione multifattoriale dove esperienze e contaminazioni, in una prospettiva ideale, comprendono quelle sinergie d’intenti tali da rendere speciale il risultato. Ho pensato che la forma poetica dell’haiku potesse rappresentare il modo più naturale di avvicinare i ragazzi e addirittura i bambini in età prescolare ad una “letteratura spirituale” che avesse come obiettivo la capacità maieutica di far emergere sentimenti e sensazioni nel modo più naturale ed efficace possibile. […] Se la mente è naturalmente libera da schemi e pregiudizi, come nel caso dei bambini, l’energia vitale si svela alla mente in tutta la sua forza. La sensibilità dell’editora Dona Amati, del poeta Francesco De Girolamo, di tutte le insegnanti che hanno collaborato al progetto hanno fatto il resto. Abbiamo volutamente compiuto un lavoro di editing molto blando, poiché il rispetto ortodosso delle regola metrica, strutturata nei tre versi rispettivamente di 5,7,5 sillabe, non faceva parte dei presupposti iniziali per la realizzazione dell’opera, risultando addirittura impossibile nella fascia d’età dei più piccini. Ma il risultato è stato straordinario e superiore ad ogni aspettativa…

“Qualsiasi cosa scritta da un bambino crea un mondo sospeso nello spazio-tempo che ha vita propria.”

(n a n i t a)

*****

Quanto è bella la natura

vorrei stare con lei

a contare le foglie

****

Il vento è un fantasma

chiama il temporale

con un verso pauroso

****

Le foglie rosse

sembrano un cuore

che batte più forte

****

Castelli di sabbia

io mi diverto

libero come il vento

****

Il mare va forte

e spaventa i pesci

la balena cattiva

****

I vestiti hanno gli occhi

pure il naso e la bocca

per scaldare le persone

****

Le barche galleggiano

come piccoli pupazzi

guidati da un bambino

****

Dentro al mare

i pesci si salutano

con la bocca e con le pinne

****

I fiori sbocciano

nei vasi del balcone

sembrano un arcobaleno

****

Il mare è blu

come un fiore profumato

il bambino l’annusa

****

(tutte le composizioni qui trascritte sono opera della Scuola d’Infanzia)

Per acquistare il libro scrivere a fusibilia@gmail.com
(nessuna spesa di spedizione)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...