Le parole-figlie

Acquerello:"la Bellezza della gravidanza" di Daria Górkiewicz

Acquerello:”la Bellezza della gravidanza” di Daria Górkiewicz

Sto aspettando dei libri…

Sì, quando scrivi è un po’ come se stessi portando avanti una gravidanza senza tempi prefissati, sei continuamente gravida di parole: le culli, le nutri e poi le figli. Arriva una separazione, prima o poi arriva, anche quando non vorresti, lo senti. Certo, quando pubblichi un libro e lo dai in stampa lasci andare le tue parole-figlie in mezzo al mondo e non sono più tue, proprio come i figli che sono del mondo…

Ma non serve neppure pubblicarle, te ne separi comunque prima o poi; quando le hai partorite, le allatti ma inesorabilmente le lascerai andare. Anche quando le chiudi in un cassetto pensi che siano al sicuro e non ti rendi conto invece che pure lì hanno vita propria…

Nanita

Annunci

2 pensieri su “Le parole-figlie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...