C’è Nessuno?

C’è Nessuno?

Recensione a cura di Valentina Meloni

 

C'è Nessuno copertina

“Le cose sono unite da legami invisibili,

non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella.”

(Galileo Galilei)

C’è nessuno? … No, non è rivolto a voi, anche se, nella settimana post- Ferragosto, è lecito farsi questa domanda, sono qui al pc a scrivere nella “frescura” agostana per presentarvi un altro romanzo. Questo titolo mi ha fatto venire in mente una lunga serie di citazioni che, bontà mia, ho deciso di risparmiarvi, mi limiterò a ricordarvi solo di Ulisse nell’episodio del Ciclope, alla cui domanda : “Qual è il tuo nome?” rispose di chiamarsi Nessuno… Ve lo ricordate? Bene, eccolo rispuntare il signore Nessuno, stavolta in una veste meno prosaica e nient’affatto epica,  eroica? -chiederete voi- neppure … Il signor Nessuno , al contrario, sembra essere proprio il prototipo dell’antieroe… e allora?

C’è nessuno? E’ una domanda –e un titolo- meno banale di quel che, a prima vista, potrebbe sembrare. Anche essere “nessuno”, infatti, comporta un certo rischio di responsabilità. E questo fantomatico Nessuno, sebbene sia, appunto, nessuno, in realtà oltre ad essere l’io narrante di diversi capitoli è anche il personaggio principale del romanzo, edito da Onirica Edizioni.

Chi è Nessuno? L’autrice, Daniela Cattani Rusich, lo descrive attraverso le parole di Sara, la ragazza con lo zainetto, coprotagonista del romanzo e, nel medesimo tempo, protagonista  della sua storia, in maniera ironica e molto realistica:

“É buffo con quei pochi capelli disorientati in testa…uno qua, uno là, gli spuntano sul capo alla stregua di ciuffetti d’erba secca, conferendogli un’aria stramba, solitario tocco di follia sul viso anonimo e occhialuto, piantato su un corpo lungo e dinoccolato”[1]

Il signor Nessuno, sembrerebbe un personaggio piuttosto insignificante e che sia nessuno ci viene confermato anche dal fatto che non ha un nome, o quantomeno nel romanzo non viene mai menzionato, pertanto non c’è dato di conoscerlo, ma-oserei dire- neppure immaginarlo, abituati e quasi disinvolti nel lasciarci andare alla sua “nessunaggine”. Eppure è soprattutto lui, cristallizzazione dello stereotipo dell’uomo qualsiasi con la propria ingenuità, con il semplice lasciarsi andare allo scorrere inarrestabile degli eventi a determinare i principali avvenimenti[2] come ci preannuncia Ariase Barretta nella prefazione.

D’altra parte ce lo racconta egli stesso nella descrizione del suo fine-settimana: ”…anche la mia vita è un’immane schifezza: abito solo, il frigorifero perennemente vuoto, nessuno al mondo per cui io conti davvero. Mi sento una specie di uomo invisibile. Un “qualunque” invisibile.”[3]

Un uomo invisibile, dunque, come invisibile è la sua esistenza, con tutto il bagaglio di sofferenze che spesso l’invisibilità si porta dietro, soprattutto nei ricordi, come quando, ad esempio, si lascia andare al ricordo della sua infanzia parlando della madre: “Ricordo il periodo dell’infanzia: era bella e dolcissima. E quante ne ha dovute sopportare, senza farmi mancare nulla, nonostante l’assenza di papà! Ne abbiamo passate tante noi due.”[4]

Dietro questa vita apparentemente insignificante però si cela un improbabile “eroe sfigato”, un eroe dei nostri giorni, certo, inconsapevole d’esserlo e un po’ goffo, impacciato e vagamente pagliaccio, che, compiendo le sue azioni giornaliere, si tira dietro i fili delle esistenze di più personaggi, le cui vite sono abilmente intrecciate nel corso della narrazione con fluidità e meticolosa organizzazione dalla Rusich, “senza scivolare mai nell’incoerenza o nella contraddizione”[5], come A. Baratta evidenzia nell’introduzione.

Il primo dei suddetti personaggi che incontriamo, il cui nome- come vedremo anche per altri personaggi- delinea già da subito la sua personalità è “Il Losco”. Come, appunto, suggerisce il nome egli non è certo un tipo raccomandabile, tuttavia, scoprirete a sorpresa, andando avanti nella lettura, quale sia il suo insospettabile passato prima che diventasse un maldestro e incallito borseggiatore.

Nel secondo capitolo si delinea la storia di Sara, che abbiamo citato poco sopra, “una giovane donna, impulsiva, molto bella e intelligente ma scalmanata come poche”[6] la dipinge così, in pochi tratti, la Rusich. Lei e il suo ragazzo Steven vogliono coronare il loro sogno d’amore fuggendo in Liguria, senza dire nulla alla famiglia di lei. L’amore vero non conosce ostacoli, tuttavia un pizzico di fortuna non guasta mai…e ai due giovani innamorati, come scoprirete più avanti, sarà di grande aiuto.

Nel quinto capitolo troviamo la descrizione di “una vita da cani”, che non è una metafora, stavolta, infatti, il protagonista della storia è proprio un cane. Il nome? Grugno! Vi lascio intuire che vita possa aver fatto lo sfortunato cagnolino, prima abbandonato dalla madre e quindi finito in un canile, poi adottato da una famigliola che però, come spesso accade nella realtà, lo abbandona alla prima occasione… E’ proprio il caso di dire che “la vita ha due mani grandi: una per togliere, l’altra per dare”[7] come ci ricorda l’autrice in una delle sue citazioni, a metà tra il detto popolare e l’aforisma, poste sempre a chiusa di ogni capitolo.

Questa citazione sembra riferirsi anche alla vita di Patrick, scrittore statunitense di successo, alto, biondo, e con la barba volutamente incolta di quelle che fanno intellettuale[8]. Vicino di casa del signor Nessuno che “incautamente” si lascia andare ad un’insolita amicizia, non priva di un pizzico di gelosia, evidente in alcuni piccoli tratteggi sarcastici delle movenze dello scrittore: “ Subito dopo il primo round di “salamelecchi”, citofoniamo a Patrick. Alcuni minuti d’attesa e voilà: scende saltellando sulle scale con la disinvoltura di Gene Kelly, vestito da dandy, profumato come la regina Maria Antonietta e con un sorriso che lo prenderesti a sberle senza pensarci né uno, né due. Le ragazze se lo mangiano con gli occhi e lo salutano piene di entusiasmo.”[9]

Altro personaggio chiave delle vicende che si intrecciano, come tanti fili, nella vita del signor Nessuno, è Claretta, una vedova di settantasei anni che è ancora autonoma e se la cava più o meno bene in tutto [10]anche se è sola.

Nel frattempo il signor Nessuno che fine ha fatto? Beh più o meno la solita noiosa vita di “solitario sfigato” a cui , tornato a casa, dopo aver fatto la spesa, le uova (la sua cena) rovinano in terra, lasciandolo digiuno e col pavimento da pulire: “Brontolando, prendo dal ripostiglio il Mocio vecchio di tre anni e rimuovo con cura ogni traccia del misfatto. Per la casa si diffonde l’inconfondibile olezzo di cadavere putrefatto, sprigionato dall’ormai abusato attrezzo del mestiere: Terminate le operazioni di pulizia, comincio a distribuire i vari prodotti nella dispensa e nel frigorifero”[11]

Certo, al signor Nessuno “basta stare in pace e condurre un’esistenza normale…magari con un po’ meno di sfiga, ecco: quella non sarebbe una cattiva idea!… ma, come sempre, si trova a dire “sospetto non sia segnata sul calendario del mio destino”.[12]

La Rusich tratteggia tutti i personaggi con grande attenzione, li caratterizza nel fisico, nelle espressioni, nel parlare e nelle vicende con apparente naturalezza. L’intreccio ben riuscito, le consente anche di giocare con ironia con la loro vita passando da scene tragicomiche a eventi tragici e commoventi con grande disinvoltura. E’ il caso, per esempio, di Felice Malasorte, poliziotto dall’esistenza felice ma ingrata, appunto, nella sorte che gli è riservata…Tuttavia il destino non negherà neppure a lui un risarcimento morale e lo renderà protagonista di un felice epilogo.

Accanto al signor Nessuno aleggia una figura quasi surreale, esistente e inesistente al medesimo tempo, per più personaggi della trama. “Laura non ha avuto una vita facile. Da quando suo padre aveva abbandonato la famiglia, era cresciuta con la madre che mia più le aveva parlato di lui.”[13]

Compagna d’ufficio del signor Nessuno e “fidanzata senza saperlo” con lui, è al centro della vicenda più commovente di tutto il romanzo, che s’intreccia con quella di un altro personaggio: “Il Barbone”. Una figura emarginata e ai margini del romanzo anche, il cui passato  lo ha portato a vivere sulla strada, ma a cui, la sorte, intrecciando i fili delle esistenze ha riservato un inaspettato epilogo.

Ventisei capitoli, poco più di cento pagine che si leggono tutte d’un fiato, un lessico semplice e colloquiale variegato in tutte le lingue dei personaggi,   una storia divertente, ironica e a tratti commovente,  che ne contiene tante altre, e che si snocciola in un crescendo di emozioni e travolgimenti fino a giungere ad un progressivo momento di agnizione che coinvolge il lettore e tutti i personaggi, fuorché uno…

Tanti personaggi, tante storie diverse, e tanti intrecci di un unico filo: la vita intessuta con sapienza dai passi dinoccolati del Signor Nessuno a cui nessuno però (passatemi il pasticcio di parole) ha detto di aver “salvato quel  piccolo microcosmo di vite” che è il romanzo, anche se, forse, lo scoprirà, grazie all’abile espediente letterario dell’autrice  che ha inserito il romanzo nel romanzo, forse per farci credere che infine, l’unico vero autore di tutta la storia è sempre e solo lui: Nessuno!

 (Valentina Meloni)

 

Note


Daniela Cattani Rusich                                                                         

daniela cattani rusich   Daniela è scrittrice, poeta, pubblicista, editor e performer; fa parte della redazione del sito Poetika.it, collabora con Onirica Edizioni come editor e direttore creativo, realizza videopoesie, videoletture e segue progetti collettivi. Partecipa spesso a eventi, reading, presentazioni e performance, che organizza anche per altri autori. Nasce a Milano, da madre greca e padre friulano.  Dopo aver frequentato lo IULM, si specializza in relazioni pubbliche e fa praticantato presso due testate locali della provincia di Milano, ottenendo il libretto di pubblicista.

La sua prima opera edita, una fiaba del 2006, viene inserita nel volume L’angolo fatato – collana Fantagraphia, LiberodiScrivere editore. Numerosi suoi testi, sia in prosa, sia in poesia, sono presenti in antologie di autori vari, pubblicate da Aletti, Giulio Perrone, Albus, LDS, Liminamentis e Onirica edizioni. La sua prima silloge “Rendimi l’anima”- Edigiò, arriva terza al concorso nazionale “Poetando” della Albus e finalista a quello della Montedit nel 2008.    Ottiene alcuni riconoscimenti, segnalazioni di merito e il primo premio nella sezione racconti con “Porrajmos- l’olocausto zingaro” al concorso artistico internazionale “Them romano” 2008;  l’anno dopo si classifica prima al concorso “Un monte di poesia”, con la lirica “Segreta”, che dà il titolo alla sua seconda silloge.

Nel 2009 si concretizza anche l’esperienza di “Malta Femmina”: un romanzo corale pubblicato con Zona editrice e scritto da quindici autrici di tutta Italia, al quale ha partecipato nel ruolo della zingara Kali. Nel 2010 la poesia “Mia viandante senza tempo è premio della giuria al concorso nazionale “Massa città di mare e di marmo” e al Trofeo Colle Armonioso dell’Accademia Alfieri di Firenze.
Dal 2010 ha curato diverse antologie per Onirica e Albus Edizioni. Nel 2011 la sua silloge “Segreta” si è classificata fra le cinque finaliste tra le sillogi migliori degli ultimi dieci anni.  Nel settembre 2011 è uscito il suo romanzo, brillante e tenero, “C’è Nessuno?” per Onirica Edizioni.

[1] Pag.18

[2] Introduzione pagg.5-6

[3] Pag.23

[4] Pag.22

[5] Introduzione pag.6

[6] pag.17

[7] pag.26

[8] pag.27

[9] Pag.67

[10] Pag.38

[11] Pag.42

[12] Pagg 43-.44

[13] Pag.51

Annunci

3 pensieri su “C’è Nessuno?

  1. Pingback: Archè: la poesia è un andare restando | valentinameloni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...