Siamo i figli della vita -Muhammad Najem

Fotografia dalla pagina fb di Muhammad Najem

Della vita siamo i figli,

le amate divinità

Come fiori sulla Terra,

siamo luminosi

Siamo i figli dell’esistenza

Come possiamo fare i bravi tra guerre,

tragedie e angoscia?

Teneteci lontani dall’assedio,

dalla sua tirannia

Siamo i figli della vita

*

Sì, non è tuo figlio.

Quelle non sono le sue lacrime.

Non preoccuparti per un bambino non tuo.

Lascia stare, non è il tuo bambino.

Lacrime scendono a pioggia.

Lacrime scorrono a fiumi.

Per ogni tuo silenzio si alza un grido di dolore.

Rammaricati di questa delusione.

Tu non sei suo padre.

*

Non è tuo figlio,

Non muoverti dal tuo letto.

Non offrirgli il tuo cappello per ripararsi dal gelo.

È solo un bambino, perché preoccuparsi per lui?

È un essere sudicio, non è affar tuo

Stai lontano dai problemi che non ti riguardano

Dormi tranquillo e al calduccio così da non sentire freddo

*
We are the sons of life,

we are the beloved deities

We are as flowers in the world,

we are luminous

We are the children of life

How can we behave in wars,

in tragedies, and in distress?

Keep us away from a siege,

from its tyranny

We are the children of life

*

Yes, he is not your son.

Those are not his tears.

Do not worry about a child not yours.

Never mind a child that is not yours.

Tears falling like rain.

Tears running like rivers.

Cries of pain for your silence.

Feel disappointed to let you down.

You are not his father.

*

He is not your son,

Do not move from your bed.

Do not give your hat to him because it is cold

He’s just a kid, why worry about him?

He is a dirty human, this matter is not yours

Stay away from problems that do not concern you

Sleep in peace and warmth so that you do not feel cold

Testi di Muhammad Najem

tradotti da Valentina Meloni

Muhammad Najem,  è un ragazzo ora diciassettenne, che alcuni anni fa ha iniziato a documentare gli orrori della guerra in Siria attraverso i suoi selfie, in particolare nella zona di Ghouta (un sobborgo di Damasco) dove si è consumata la guerra civile fratricida.
Lo slogan un selfie per #SAVEGHOUTA ha fatto il giro del mondo partendo dal suo account twitter (muhammad najem)

Un articolo che parla di lui

La piccola volpe che ero

Laura Makabresku Photo

tengo stretta al grembo
la piccola volpe che ero:
le orecchie dritte
i denti aguzzi
il muso puntuto che saggia l’aria
e la lunga coda rossa
una carezza al grano di primavera.
ho sempre con me i suoi occhi vispi
— addormentati tra le mani —
una fiammella che s’accende improvvisa
quando scopre il passero del perduto amore
ancora cinguettante sul ramo dei ricordi.

11, gennaio 2019- inedito

nanita

Chinese Language Monthly

Poesie tratte da Alambic (Progetto Cultura, Roma, 2019) e alcuni inediti: Forest, L’albero e il bambino, La bambina che parlava agli alberi, Un fiore non è mai lo stesso, Ho abbracciato un Ginkgo sono state tradotte in Cinese dal poeta e professore Tzemin Ition Tsai e pubblicate nella rivista di letteratura Chinese Language Monthly con sede in Taiwan. In qualche modo da Nei giardini di Suzhou conservo il legame con la Cina e l’Oriente…

Suite della solitudine

Una piccola pubblicazione numerata in 100 copie autografe, da un’idea di Rosario Morra con sue illustrazioni e un commento all’opera inedita. Questa la mia unica parola del 2019, preziosa.

All’interno:

Suite della solitudinekatatuta sequenza

Eco di maresuite in Haiku

-8 illustrazioni e una nota

“Per parlare di poetica devo ricorrere a una necessità etica che non so motivare. Il rispetto di alcune regole, di un metodo, non è testardaggine o scelta estetica, ma ma un obbligo morale.
Abbandonare questi limiti non mi è concesso e cerco, quasi in una espiazione preventiva,il risarcimento che l’opera costituirà. Inizialmente credevo, nell’accostare puntini, di voler ottenere un segno ansioso, che inciampasse continuamente, una scelta ancora espressionista e compiaciuta di manifestare giudizi ed emozioni. Poi è diventato un metodo per avere un controllo capillare dell’immagine.
E’ proprio della scrittura e della musica l’uso di una sintassi e di un lessico codificati, regole precise che si apprendono più facilmente in giovane età. Così la scrittura e soprattutto la musica si insegnano con programmi consapevoli che, se non garantiscono la poesia, rendono facilmente riconoscibile il dilettantismo, ma, nelle arti figurative, con l’impressionismo, nasce la figura del “pittore della domenica” e si nega ogni competenza particolare.”

(Rosario Morra- Poetica, testo tratto dal sito dell’artista- quello che avete appena letto non è il commento, la nota contenuta all’interno dell’opera che invece riguarda la genesi di questa pubblicazione, come è avvenuta, perché e quali corde ha toccato.)

In Rachel Sutcliffe’s memory – A year later

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

claaaa

swallows leave
with the silence
my fears
of dying
alone

rondini migrano
in silenzio…
le mie paure
di morire
sola

Rachel Sutcliffe, England – Le lumachine n.31 January 2019

Rachel Sutcliffe, November 6 1977, January 25 2019

~~~

Last journey
the stars protect
all your steps

ultimo viaggio
le stelle proteggono
tutti i tuoi passi

Eufemia Griffo

~~~

Luna in eclissi
Densa è questa oscurità
negli occhi al cielo
Poi la falce di luce
illumina il sentiero

Tanka di Paola Martino

~~~

shells fragments
in the winter silence
poet your words

conchiglie sparse
nel silenzio d’inverno
poeta i tuoi versi

Annamaria Domburg-Sancristoforo

~~~

L’ultimo canto
Le braccia della madre
ad accoglierti

Matilde Cherchi

~~~

L’ultima neve
Al limite del bosco
piccole impronte

Lucia Viola

~~~

fiore reciso-
nel freddo di gennaio
resta il profumo

cut flower
in the cold of January
the perfume remains

Angela Giordano

~~~

orfano è…

View original post 324 altre parole

Planetaria

COMUNICATO STAMPA

Planetaria – 27 poeti del mondo nati dopo il 1985


antologia a cura di Massimo Dagnino e Alberto Pellegatta
Taut Editori, Milano, pp. 228, euro 13, ISBN 978-88-945100-1-0
La presentazione avverrà sabato il 15 febbraio alle ore 17

Studio d’Arte del Lauro – Via Mosè Bianchi 60 Milano

(MM Amendola + MM Lotto)
Prossimamente anche a Genova, Bologna, Firenze, Roma, Bookcity ecc.

È nata una nuova casa editrice, Taut Editori, in omaggio ai visionari fratelli architetti. A inaugurarla è un volume collettivo internazionale dedicato ai giovanissimi, un segnale di apertura verso le nuove generazioni. Taut indagherà le nuove voci inserendole in un contesto storicizzato.

Si inizia con un’antologia dei nuovi poeti anche stranieri – proposti con l’immancabile testo a fronte – introdotti da una scheda bio-critica a cura di poeti già consolidati come David Keplinger, Jack Underwood e Erika Martinez. I giovani migliori del loro territorio, avvallati dai critici più importanti, per una selezione agguerrita attraverso i dipartimenti universitari e le redazioni più vivaci del mondo – le università di Goldsmith, Barcellona, Lisbona, Milano, Genova, le riviste Quimera, Poetry London ecc.
La cura del progetto grafico, studiato ad hoc, conclude la novità che questa antologia pretende avviare. Il volume non si limita a raggruppare una manciata di nomi ma si pone come proposito di offrire un taglio particolare rispetto alla situazione della poesia e al suo continuo e sotterraneo movimento. Il campo di azione su cui operano questi giovani poeti è quello stilistico: conseguire una riconoscibilità lavorando alla struttura dei testi, evitando i modelli standard.
In queste pagine passerete dai malagueños Cristian Alcaraz e David Leo alla poetessa siciliana Dina Basso. All’ironia anfibia di Alessandro Biddau (1995) e Manuel Micaletto (1990) risponde quella scoperta e iperbolica di Augusto Ficele (1992). L’inglese Ella Frears riesce a neutralizzare la finta combinazione dei ruoli nelle dinamiche emotive. Troverete autori che si sono affacciati recentemente per mezzo di convincenti opere prime, come l’umbro Simone Burratti e il fiorentino Lorenzo Cianchi. Presente un gruppo romano cui appartengono Gabriele Galloni e Antonio Merola, entrambi attivi nella prosa. Il volume spazia dal giovanissimo Mario Gennatiempo, che vive a Salerno ed è nato addirittura nel 2000, a Federica Gullotta di Faenza e Michele Lazazzera, nato a Matera ma cresciuto a Roma e ora architetto in Belgio. E non manca il russo Aleksandr Malinin che indaga l’inquietudine «ottusa» e meccanica del corpo dentro al sentimento. Unici milanesi sono Iacopo Pesenti (1990), pittore già noto agli addetti ai lavori, Gerardo Masuccio – nome tutt’altro che ignoto nell’editoria italiana, per la sua partecipazione alla resurrezione di un marchio storico come Bompiani –, l’outsider Riccardo Zippo e il celebre artista Diego Marcon, qui alla sua prima prova in versi. Tra le conferme degli anni ‘80 troviamo il bergamasco Luca Minola e il nocerese Francesco Maria Tipaldi. Il venezuelano Adalber Salas Hernández, newyorchese d’adozione, propone invece una personalissima forma di epica mentre, a chiudere la rassegna, sono la poetessa cambogiano-statunitense Monica Sok, «cresciuta tra i campi di granoturco e le carrozze amish di Lancaster, in Pennsylvania», il portoghese Tomás Sottomayor (1994), tradotto da Roberto Maggiani, e la poetessa asturiana Sara Torres. Anche il tema dello sradicamento è quindi presente: in Sok, diventa eco del paesaggio abbandonato dai genitori per fuggire ai khmer. Un trauma ereditario che altera la sua percezione del mondo.

I giovani poeti invitati sono: Cristian Alcaraz (Malaga, Spagna 1990); Dina Basso (Scordia Sicilia 1988); Alessandro Biddau (Genova 1995); Simone Burratti (Narni, Terni 1990); Riccardo Canaletti (Macerata 1998); Lorenzo Cianchi (Certaldo, Firenze 1985); Davide Cortese (Genova 1994); Augusto Ficele (Terlizzi, Bari 1992); Ella Frears (Truro, UK 1991); Gabriele Galloni (Roma 1995); Mario Gennatiempo (Cinquefrondi, Reggio Calabria 2001); Federica Gullotta (Faenza 1991); Michele Lazazzera (Pisticci, Matera 1995); David Leo (Malaga, Spagna 1988); Aleksandr Malinin (Joškar-Ola, Russia 1991); Diego Marcon (Busto Arsizio 1985); Gerardo Masuccio (Battipaglia, Salerno 1991); Antonio Merola (Roma 1994); Manuel Micaletto (Sanremo 1990); Luca Minola (Bergamo 1985); Iacopo Pesenti (Milano 1990); Adalber Salas Hernández (Caracas, Venezuela 1987); Monica Sok (Lancaster, Pennsylvania USA 1990); Tomás Sottomayor (Porto, Portogallo 1994); Sara Torres (Gijon, Spagna 1991); Francesco Maria Tipaldi (Nocera Inferiore 1986); Riccardo Zippo (Gagliano del Capo, Lecce 1992)

Anteprima di lettura (selezione)