Eppure ancora i nespoli

Pubblicato da Nulladie Edizioni nella collana I Saggi, in agosto 2020, Eppure ancora i nespoli – dissertazioni sullo Haiku di Antonio Sacco è un libro ibrido che si pone a metà tra il saggio e la silloge poetica.

Antonio Sacco esordisce con questa prima pubblicazione monografica che si può dividere idealmente in tre parti.

La prima in cui raccoglie cinquantotto haiku commentati singolarmente, ed è la novità di questo libro in cui anche un lettore neofita e che non sa nulla di haiku può sperimentare la loro lettura in maniera più precisa e competente, profonda.

Nella seconda parte, invece, Antonio raccoglie i vari saggi e articoli sullo Haiku che ha scritto e pubblicato nel corso di questi anni. I saggi e gli articoli che compongono la seconda parte del libro sono tutti corredati da esempi e presentano haiku di maestri o di haijin contemporanei o dello stesso Antonio, a dimostrazione delle tesi proposte.

La terza parte accoglie sei haibun o scritti haikai: tre sul suo viaggio in palestina; uno sul viaggio in Norvegia; uno sulla poesia haiku e l’ultimo descrive ambientazioni familiari.

Il titolo del libro prende spunto da un haiku dedicato ad un caro amico scomparso che ricorda molto un haiku di Kobayashi Issa:

Mondo di sofferenza:
eppure i ciliegi
sono in fiore.

La prefazione scorrevole e accurata è opera di Matteo Contrini. Ad apertura di quest’ultima campeggia una domanda che vorrei girare ai lettori, la domanda è la seguente:

“se i grandi poeti italiani del passato avessero sperimentato la via dello haiku, di quali risultati ne avrebbe giovato la nostra letteratura?”.

Di questo libro ciò che ho amato di più sono proprio gli haiku che, naturalmente io avevo già letto e conoscevo, perchè seguo Antonio da diverso tempo- Ma trovarli raccolti tutti assieme e poterli sfogliare è decisamente un dono a cui non ci si può sottrarre.

Personalmente ho trovato apprezzabili i commenti anche se, probabilmente un lettore più esperto vorrebbe farne a meno, tentando di scoprire da sè quale poetica percorre il nostro Antonio. Vorrei per questo riportare gli haiku che più mi hanno colpita, senza alcun commento, lasciando al lettore il gusto della scoperta e della bellezza pura, priva di appendici.

gru origami

tra cento primule

un fiore senza nome

si schiude all’alba

l’ombra di un pesco

accarezza la mia

nel plenilunio

una libellula:

nelle sue ali un lampo

d’arcobaleno

spaventapasseri —

proprio lui depredato

per esser nido

senza commiato —

eppure ancora i nespoli

stanno fiorendo

la foglia secca

somiglia a una farfalla

poi — la caduta

notte d’inverno —

riflesso in una pozza

il firmamento

In conclusione l’opera di Antonio percorre le tappe di uno studio e di un percorso sulla via dello Haiku e questa è una constatazione palpabile attraverso la lettura di questo testo.

Antonio ha abbracciato la via dello Haiku attraversando vari aspetti della cultura giapponese (praticando origami, suseki, bagni di foresta, contemplazione della natura, Kinstugi etc…) , per questo ritengo il suo approccio, tra i più autentici che io abbia mai incontrato.

E spero, un giorno, di ricevere in dono uno dei suoi bellissimi origami o di riuscire a replicare una delle sue bellissime gru di carta… Magari ci riuscirò alla millesima con la quale poter regalare a qualcuno un desiderio da esprimere come nella leggenda delle mille gru di carta…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...